Cosa nostra

Nessuna malizia nel titolo!!! A scanso di equivoci: l’articolo riguarda noi quindi è “cosa nostra”. Lo riportiamo con un pò di ritardo quindi scusateci….

Dal corriere adriatico:

Acquasanta A tre settimane dalla tornata elettorale che ha rinnovato i consigli comunali dell’entroterra piceno, i sindaci eletti hanno già provveduto a nominare le nuove giunte. Ad Acquasanta, Barbara Capriotti ha inteso introdurre un tocco di rinnovamento nella sua squadra, pur dando fiducia ad alcuni che avevano fatto parte della passata amministrazione. A cominciare dal vice sindaco, Natale Carlini che ricoprirà la carica anche nei prossimi cinque anni. Inoltre a lui sono state affidate anche le deleghe riguardanti le manutenzioni, la viabilità, la segnaletica, il verde pubblico, l’arredo urbano, la sanità ed i servizi scolastici. Riconfermato anche Giovanni Di Marzi che di fatto manterrà le stesse deleghe. Pertanto sarà sotto la sua responsabilità il settore della Protezione civile, l’urbanistica, la caccia, l’agricoltura, la forestazione e lo sviluppo rurale. Alessandro Albanesi sarà, invece, il nuovo assessore al bilancio ed al patrimonio, sostituisce Valter Palanca, e dovrà occuparsi anche dei tributi, delle società partecipate, delle politiche giovanili, dello sport e dell’associazionismo e volontariato. Tra i nuovi volti della giunta Capriotti c’è anche Maurizio Rucci che si occuperà delle aree protette, dei trasporti, del commercio dell’artigianato, della tutela ambientale, della gestione di rifiuti e delle politiche energetiche della cittadina termale. Esclusione eccellente, dunque, è rappresentata dalla mancata riconferma di Francesco Amici a cui, però, il sindaco ha chiesto di collaborare alla gestione, insieme con gli altri consiglieri di maggioranza Fausto Giobbi, Diego Gagliardi e Domenico Grassi, delle deleghe che il primo cittadino ha deciso di avocare a sé e che riguardano il personale, i servizi sociali, le terme, i lavori pubblici, le politiche comunitarie, le cave il turismo e la cultura

Annunci

Elezioni 2011 “rewind”

 Un’affluenza da record decreta una vittoria schiacciante. Non vi preoccupate non è vero niente.

è successo quello che era prevedibile: i “campioni uscenti” si riconfermano e Barbara Capriotti torna ad essere il sindaco di Acquasanta Terme. Gli exit-poll che abbiamo appena chiuso avevano colto nel segno, seppur con percentuali troppo nette.

Cosi a caldo mi premono particolarmente un paio di considerazioni: da noi ormai votano in pochi (pochissimi) e quei pochi che votano non sanno più dove sbattere la testa. Non voglio per forza prendere il ruolo del bastian contrario, ma parlo carte alla mano o meglio grafici alla mano, li potete raffrontare anche voi qui a fianco, nel 2006  52,36% nel 2011 52,51%…non è una cosa di cui andare fieri. Pensare che poi il sindaco è stato eletto da neanche il 40% del 50% si traduce nel fatto che poco più di 800 persone su 4000 decidono il sindaco. Curioso.

Non è colpa dei vincitori, questo è chiaro, ma si tratta di un dato che deve far riflettere tutti e che ci da idea del distacco che ormai si è raggiunto tra politica  e cittadini. Per questo noi da tempo invochiamo la benedetta democrazia dal basso, prima o poi ci arriveremo.

Il secondo punto è che il grafico a torta è diviso in tre fette pressochè  identiche.  Le chiavi di lettura in questo caso possono essere due: 1- la lotta è stata serrata, in lizza c’erano tre liste meritevoli e piene di contenuti oppure 2 – le persone non sanno più dove buttarsi. Vista la scarsissima affluenza tenderei ad escludere la prima ipotesi. Bisogna anche notare che nel 2006 la Capriotti aveva avuto una maggioranza più netta rispetto le altre liste, in questi 5 anni ha perso 250 voti. Sarà tutta colpa delle scelte impopolari che un sindaco è costretto a fare per tirare avanti la baracca? Non lo so, non credo.

Vi prego di dare un’occhiata ai file qui di seguito, che riportano i dettagli delle votazioni:

allegato 1

allegato 2

allegato 3

allegato 4

Analizzando quello che è accaduto nei seggi  si capisce sin da subito che queste elezioni interessano maggiormente a chi abita nel capoluogo, dove si raggiunge la percentuale maggiore di votanti, nelle frazioni l’assenteismo sfiora e sfonda il 50% come nel caso di Centrale. In parole povere più della metà delle persone, a Centrale, ha preferito rimanere a casa.

Ma parliamo anche dei candidati, avevamo nello scorso post cercato di dividerli in gruppi e dobbiamo dire che di sorprese non ce ne sono state molte:  i “pezzi da novanta” continuano a prendere voti, troppi, hanno ancora un peso politico rilevante nonostante lo scetticismo delle persone, le new entries o sbarbatelli riescono a tirare al seggio la famiglia  e i parenti fino al secondo grado ma rimangono intorno ai 10/20 voti,  lodevole il loro impegno.

Si puo concludere che un ricambio generazionale nella nostra politica ancora non c’è, forse i nostri ragazzi non sono pronti e capaci, o forse le “amicizie” contano ancora troppo. Come pretendiamo di voler cambiare le cose se ancora le campagne elettorali danno il loro meglio nelle promesse porta a porta? è vero: manca linfa vitale a questa politica locale fatta di compromessi e giochetti. Le proposte che ci vengono fatte durante le elezioni sono trite e ritrite…in questo modo non riusciremo mai a cambiare veramente! Turandoci il naso e votando “il meno peggio” non facciamo giustizia a nessuno. La campagna elettorale appena conclusa è stata a dir poco sterile e inconcludente, si sprecano più energie dietro le battaglie personali che per tirare fuori qualcosa dal cilindro. Servirebbero idee nuove, anche “rubate” ai comuni virtuosi, idee che ci possano smuovere da questo torpore e invece li vedi li…tutti a puntarsi il dito contro. Cosa ci resta da fare? Noi una alternativa ve la stiamo proponendo, siamo qui da quasi due anni ormai e cerchiamo di darvi voce e di proporvi delle idee. Ovviamente a noi la politica non serve perchè non siamo politici, vogliamo solo riportare dei punti di vista diversi e più costruttivi sperando che la prossima volta alle elezioni ci sia un candidato che porti almeno il 60% delle persone a votare.

Aggiornamento n°1

è arrivato il file che secondo Peppe Parlamenti dovrebbe palesare che l’assenteismo è stata una nostra invenzione. Noi ovviamente lo pubblichiamo qui di seguito:

acquasantani_votanti_nel_mondo

Gli acquasantani con diritto di voto all’estero sono effettivamente molti, 1.493 in totale. Rimane il fatto che i dati riportati da noi sono  quelli divulgati dal Ministero degli Interni, ergo nessuno è stato preso per il naso da Acquasolfa.

Gli elettori che vivono all’estero possono essere solamente un  elemento in più nella discussione, ma non si smentisce nessun dato e nessuna percentuale da noi fornita.

Iniziamo bene.

L’anno è iniziato e lo inauguriamo proprio come piace a noi.

Le voci sull’ADSL si rincorrevano e riempivano i corridoi, si vociferava, si parlottava, si chiedeva e veniva anche confermato che sarebbe arrivata a breve brevissimo. Come ricorderete anche qui su acquasolfa se ne era parlato, fortunatamente blog manent e basta tornare indietro di qualche post per vedere cosa ci veniva chiarito da chi si interessa della questione. A quanto pare siamo già in campagna elettorale.

Si perchè bastava chiedere ad un normalissimo centro TIM a che punto stavano per sentirsi rispondere che “la connessione ad Acquasanta non arriverà prima di Ottobre/Novembre, per adesso stiamo solamente facendo i contratti e bisogna finire prima i lavori“. Qualcuno dall’amministrazione ci aveva detto qualcos’altro ricordate?

Adesso scatta il gioco, vi elenco le finalità:

– scoprire chi dei due può avere ragione ( lu cummune o l’alice)

– scoprire chi e in quale post ci aveva dato delle date (un aiutino ve lo do: si parlava di “assetati” e di “deserto“….)

Postate nei commenti le vostre scelte e il vincitore vincerà…niente (a noi non piace promettere…hihihi!). Sono ben accette anche previsioni sulle date dell’allaccio, al più presto contatteremo ‘nu strolighe.

Pagusparking oh yeah

Torniamo a trattare il discorso “lavori pubblici”: dopo i problemi che avevamo sollevato in questo articolo che trattava la cosiddetta “politica del fare” siamo venuti a conoscienza (tramite il sito comunale) che a breve verranno iniziati i lavori per la sistemazione di alcune aree pubbliche  in frazione Paggese. La spesa complessiva e’ di circa 59.000 € di cui:   € 29.974,42 fondi ERAP e  € 29.775,58 fondi propri. I lavori serviranno alla realizzazione di un area verde pubblica attrezzata (parco giochi, campo da bocce … )  di un parcheggio a basso impatto ambientale (ricordiamo l’incivile parcheggio selvaggio davanti al bar) e forse anche un circolo culturale. Il verde pubblico ben venga, Leggi il resto dell’articolo

E gira tutta la stanza

Bazzicando per la rete ho scoperto un progetto a livello provinciale che coinvolge anche il nostro comunetto, si tratta del sito provinciadigitale.com. A quanto ho capito vuole essere una trovata di promozione provinciale ed è stata realizzata anche per i nostri “vicini di casa” fermani. Si tratta di una versione leggermente personalizzata di google maps, che riporta i luoghi di interesse e alcuni alberghi. L’unico tentativo che rende la cosa più interessante è quello dei virtual tour, trovate il nostro qui. Si tratta di una tecnologia antenata dello street view di google e permette di visualizzare delle foto panoramiche a 360 gradi in soggettiva. Nel nostro caso le foto sono due: comune e chiesa. Ci complimentiamo per la capacità di sintesi, magari un’affacciata sulle terme si poteva anche fare visto che in quest’altra pagina ne parlavano, eccome. è interessante questa pagina che parla della nostra storia: si parla della linea ferroviaria mai realizzata, la famosa  Ascoli-Antrodoco-Roma, del fatto che “…gli acquasantani partecipano a tutte le guerre coloniali e a quelle mondiali…” (come se si potesse scegliere), e molto altro ancora. Vi consigliamo questa lettura. Ah, quasi dimenticavo, per spostarvi tra le due foto cliccate sulla freccia che vedete alla destra del comune e alla sinistra della chiesa!

Per un comune ggiovane

Per un comune ggiovane questa volta proponiamo una cosa da ggiovani. Visto che ai ggiovani piace molto navigare e visto che tra poco (?) saremo preda dell’ADSL questa potrebbe essere una vera dritta da ggiovani, ma non solo. Si parla tanto di sponsorizzare il territorio, di promuoverlo e di spingerlo in qualsiasi maniera per riqualificarlo…ma cosa significa? e soprattutto come viene tradotto in pratica? Si fa qualche manifesto, si organizza qualche sagra, si mangia qualche porchetta, si parla bla bla bla, e il territorio di qua e il territorio di la…

Fatti, ci vogliono i fatti. I tempi cambiano e le strategie con essi.

La proposta è questa:

progettare dei siti web per la promozione del territorio (niente di nuovo).

Bisogna però farla con stile, secondo me il comune dovrebbe investire e farsi creare un template unico (un “modello di sito web”) ad hoc serio ed elegante, presentabile insomma. Questo modello andrebbe poi declinato Leggi il resto dell’articolo

Una proposta per il Combattenti

C’è un film autoprodotto che sta avendo successo di critica e premi, stiamo parlando dell'”uomo fiammifero”. Un’opera prima del regista Marco Chiarini che ha fronteggiato la difficile via dell’autoproduzione e adesso sta proiettando in giro per l’Italia con l’innovativo metodo della “social distribution”. Questo tipo di distribuzione parte dallo spettatore: deve trovare un cinema con una sala digitale, deve accordare con l’esercente almeno 5 date di proiezione, le pubblicizza ed infine dopo la proiezione partecipa alla divisione dell’utile incassando il 10%.Noi non sappiamo se tecnicamente il Combattenti sia attrezzato per una proiezione digitale, non sappiamo neanche se noleggiando attrezzatura potrebbe ovviare a questo, quello che invece è certo è che con una buona pubblicizzazione potrebbe rientrare anche qualche soldo al comune!

Vi parliamo di questo film in particolare perchè oltre le ambientazioni vicinissime al nostro territorio, al centro della trama rimane sempre la vietata volpara, ci è sembrato un progetto che merita di essere visto e conosciuto meglio.

Per il gruppo facebook clicca qui.

Dal sito sentieriselvaggi.it:

L’Uomo Fiammifero è (pure in ragione del suo travagliato percorso) un’opera originale ed estremamente personale, anche e soprattutto in senso autarchico, che, grazie alla sua autenticità, riesce a far riaffiorare nello spettatore i ricordi della propria infanzia: l’odore dei campi coltivati ed il sapore delle “Girelle”

Simone ne L'uomo FiammiferoForse non è un trito luogo comune, forse è proprio vero che per fare il cinema, anzi di più, per fare qualcosa di originale all’interno di un panorama cinematografico spesso asfittico e stereotipato come il nostro, c’è bisogno di una Leggi il resto dell’articolo

Quello scatolo impolverato – ma che sa di nuovo…

World Wide Web quanto ci fai penare! Mentre la fibra ottica fascia le maggiori città italiane e i dati viaggiano a velocità sempre superiore, l’acquasantano si appresta all’attracco della tanto agognata ADSL. Sarà per l’anno prossimo, sarà il 2012…noi tutti abbiamo visto gli scavi e aspettiamo fiduciosi.

A questo punto però bisogna esaminare i contenuti, ed il momento è propizio dato l’aggiornamento del nostro sito comunale dalla data del primo settembre scorso. In realtà non è cambiato molto si è fatto un restyling più grafico che di contenuti.

Alcune cose proprio non funzionano:

– viene ancora utilizzata la foto in bianco e nero della vecchia piscina (trae in inganno ed è controproducente Leggi il resto dell’articolo

Un estate al mare-e!

Purtroppo siamo venuti a conoscenza troppo tardi  (tramite il sito comunale) di questa bella iniziativa , anche quest’anno viene riproposto il progetto“colonia marina pendolare”

Dal sito comunale:

PROGETTO “ESTATE RAGAZZI 2010”

COLONIA MARINA PENDOLARE

Ragazzi dai 6 ai 16 anni

Anche quest’anno, sulla scorta dei positivi riscontri avuti negli anni precedenti, viene riproposto il progetto “Estate Ragazzi” che consiste in una colonia marina pendolare per ragazzi di età compresa tra i 6 ed i 16 anni residenti nel territorio comunale. Leggi il resto dell’articolo

Il lungo percorso…..

E’ ancora il Corriere Adriatico che ci aggiorna sulla vicenda grotta- piscina:


La società Santa ricorre al Consiglio di Stato sulla revoca della concessione.
E’ stato presentato lunedì scorso al Consiglio di Stato il ricorso della società “Santa” contro la sentenza del Tar che ha confermato la revoca della concessione delle terme di Acquasanta. Contestualmente al ricorso è stata presentata la richiesta di sospensiva del provvedimento. A questo punto bisognerà attendere che il provvedimento venga assegnato ad una delle sezioni dell’organo di giustizia amministrativa regionale che dovrà provvedere a fissare la data dell’udienza per la discussione della richiesta di sospensiva, il che dovrebbe avvenire al massimo entro un mese. Successivamente verrà discusso il ricorso nel merito.
Leggi il resto dell’articolo