Trote nostrane…..

Una bella notizia ci viene comunicata dal Corriere Adriatico, presto i nostri fiumi e laghi verranno ripopoloati da trote “nostrane” .

Corriere Adriatico:

Arquata Un’importante opera sta per essere terminata nell’arquatano. Il comune, infatti, sta ultimando la realizzazione, nei pressi della frazione di Pescara di Arquata, di un incubatoio ittico. L’opera, una volta terminata, consentirà all’amministrazione comunale di provvedere al ripopolamento della fauna ittica della zona, per quanto riguarda le trote, senza dovere acquistarle negli allevamenti.

Nel sito della provincia troviamo ulteriori informazioni:

Nascerà presto in territorio di Arquata del Tronto un “incubatoio” per le trote autoctone, o meglio di “trote fario di ceppo mediterraneo”, un impianto dove i ceppi, accuratamente selezionati negli specchi d’acqua locali grazie al contributo scientifico dei tecnici di Asteria, si potranno riprodurre per poi essere immessi nei corsi d’acqua del territorio provinciale.
L’operazione costa complessivamente 345.000 euro dei quali il 40% erogati dalla Regione Marche, il 30% ciascuno dalla Provincia e da Piceno Consind e porterà a diversi importanti risultati: sarà possibile riprodurre in zona novellame di ceppo autoctono, si potranno produrre ulteriori quantità da vendere ad altre Province, se ne avvantaggerà la zona montana grazie al probabile impiego di personale del luogo per la gestione dell’impianto, si arricchirà l’area, al centro del territorio di due Parchi nazionali, di una nuova struttura coerente con lo sviluppo a basso impatto ambientale che la caratterizza.

E’ un procedimento fortemente voluto dalla Provincia – spiega l’assessore provinciale all’ambiente Massimo Marcaccio – l’Ente infatti fino ad oggi spendeva dai 20 ai 25mila euro annui per ripopolare di fauna ittica gli specchi d’acqua interni, una competenza assegnatale dalla legge. Ma gli esemplari che acquistiamo attualmente, provenienti da altre zone, non hanno nulla a che vedere con il prodotto di qualità che nasce nelle nostre acque. Così ogni anno bisogna ripetere l’operazione. Con l’impianto di Arquata innescheremo un ciclo virtuoso che consentirà di ripopolare fiumi e laghi della nostra terra con specie ittiche autoctone, da ceppi di trote selezionate: un processo perfettamente coerente con il concetto di sviluppo sostenibile che rappresenta il punto di riferimento principale del nostro impegno amministrativo”.

“Ringrazio la Provincia per questa opera che sorge nel nuovo agglomerato industriale di Arquata – ha affermato il sindaco Aleandro Petrucci – che sarà fonte di occupazione e rappresenta un altro passo importante per l’inizio di uno sviluppo compatibile dell’area montana”.

Statistiche web

Statistiche di accesso

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: