56 K Mon Amour…

56 k

CHE BELLO ESSERE NEL TERZO MILLENNIO, L’UOMO VA SU MARTE, I COMPUTER VENGONO IMPIANTATI SOTTOPELLE E AD ACQUASANTA ABBIAMO LA 56K!

QUALCUNO AFFERMA CHE SIANO PARTITE LE PRATICHE PER L’ADSL-IZZAZIONE DEL TERRITORIO, MA INTANTO CI SI ATTREZZA COME MEGLIO SI PUò, TRA CHIAVETTE PARABOLETTE E ALTRI AGGEGGI.

IL FUTURO NON CI HA ANCORA RAGGIUNTO E SEMBRA CHE A NESSUNO IMPORTA, COME BASTA VEDERE DAI SITI CHE ABBIAMO LINKATO, IL COMUNE SE NE FREGA DI AGGIORNARE I DATI (SE VOLETE MANGIARE UNA PIZZA CHIAMATE LA PIZZERIA RIO, PER ALLARMI CHIAMATE I CARABINIERI IN VIA DEL BAGNO) E LA ZONA TERMALE TURISTICA COME PRESENZA WEB è A DIR POCO IMBARAZZANTE, CON LE OVVIE RIPERCUSSIONI SUI POSSIBILI SVILUPPI DELLE ATTIVITà ECONOMICHE LOCALI!

GIOVANI E MENO GIOVANI CREDETE NELLO SVILUPPO TECNOLOGICO! ANCHE SE DA NOI ARRIVA UN Pò TARDI…


3 Responses to 56 K Mon Amour…

  1. anonimo says:

    caro amico/a di Acquasanta facciamo delle precisazioni su quest articolo!!!
    una zona dell’acquasantano è già coperto dalle parabolina, che niente non è!!
    ma pultroppo ci sono molte frazioni, chiamiamole le frazioni che non contano, ancora scoperte che viaggiano ancora a 56k!Questo è vergognoso!
    Poi ricordiamo che l’ adsl è arrivata anche a Force….e Acquasanta???
    ce la farà l’adsl ad arrivare ad Acquasanta o facciamo prima a trasferirci a Force???

  2. francesco amici says:

    Entro il 2010 assicurata copertura larga banda su tutto il territorio della regione
    Accordo Regione-Telecom: banda larga su tutto il territorio
    Previsto l’avvio di progetti per lo sviluppo di servizi ICT rivolti ai cittadini, alle imprese, alle istituzioni
    Regione – 10/7/2009, 13:52
    Ancona – Ancona – Regione Marche e Telecom Italia hanno siglato oggi una lettera di intenti che ha come obiettivo una progressiva
    e radicale riduzione del fenomeno del Digital Divide, incrementando la disponibilità delle diverse generazioni di servizi a larga banda sul territorio marchigiano attraverso tutte le tecnologie disponibili.
    L’accordo, che intende consentire ad un sempre maggior numero di cittadini, imprese e istituzioni locali l’accesso alle nuove tecnologie digitali in larga banda, prevede la copertura del territorio con collegamenti fino a 7 Mbits entro il 2010 e in seguito, entro il 2012, con collegamenti fino a 20 Mbits legati alla realizzazione della nuova rete in fibra ottica.
    La collaborazione tra la Regione e Telecom Italia si esplicherà, in particolare, nell’attuare le previsioni progettuali del Piano Telematico regionale che prevede un finanziamento di 45 milioni di euro per garantire la copertura delle aree attualmente non servite dalla larga banda. L’attuazione degli interventi di posa in opera della fibra ottica mira anche ad ottimizzare gli investimenti in opere civili che sono stati effettuati dalla Regione Marche e dagli Enti locali. L’intesa triennale prevede inoltre la collaborazione tra le parti per lo sviluppo e l’avvio di nuovi servizi ICT di pubblica utilità fruibili attraverso le connessioni ad internet veloce e rivolti in particolare al settore socio-sanitario, a quelli del turismo, della sicurezza delle persone e del territorio, dell’e-government, alle imprese e ai cittadini.
    Per agevolare il raggiungimento degli obiettivi dell’accordo, garantire la condivisione delle informazioni sulle reciproche iniziative e verificare gli impegni assunti, verrà costituito un comitato paritetico, a cui parteciperà anche la Società Infratel Italia.
    Il Presidente della Regione Marche, Gian Mario Spacca, ha dichiarato: “il progetto che stiamo realizzando, anche con il contributo di Telecom Italia, è un passo avanti decisivo per la crescita qualitativa delle Marche. Siamo stati la prima Regione in Italia ad attivare lo sviluppo della banda larga di seconda generazione sull’intero territorio marchigiano. Realizzare l’accesso veloce ad internet per tutta la comunità è un impegno strategico del Governo regionale, che incrementa relazionalità ed elimina barriere e distanze. Si potenzia la competitività delle piccole imprese, che hanno bisogno di infrastrutture immateriali veloci per innovare, crescere ed internazionalizzarsi. Si alimentano processi di diversificazione, con nuove attività legate all’ICT rese possibili dalle maggiori prestazioni della banda larga. Si consolida la coesione sociale, offrendo uguali opportunità di informazione, conoscenza e alfabetizzazione informatica, soprattutto a vantaggio dei nostri giovani. Si rafforza la produttività delle istituzioni, migliorando per tutti la fruibilità dei servizi della pubblica amministrazione”.
    Gabriele Galateri di Genola, Presidente di Telecom Italia, ha dichiarato: “grazie a questo accordo e con l’impegno di Telecom Italia, la Regione Marche diventa il modello di best practice italiana per l’accesso ai servizi in larga banda, che auspichiamo possa essere replicato in altre regioni. Si tratta infatti di un cambio di paradigma fondamentale che ci porta dal “Digital Divide” alla “Digital Prosperity” soprattutto per i due importanti obiettivi che la Regione si è data nel Piano Telematico di portare 7 Mbits a tutti gli abitanti entro il 2010 e 20 Mbits entro il 2012. Siamo convinti che questa iniziativa possa contribuire a creare un nuovo percorso di sviluppo economico e sociale della regione che consentirà di realizzare iniziative finalizzate all’aggregazione e al coordinamento della domanda pubblica nelle aree interessate. Ciò allo scopo di favorire la crescita della domanda e rappresentare un volano per lo sviluppo di servizi innovativi”.
    Carrabs: si afferma un’economia digitale
    “La lettera di intenti sottoscritta oggi rappresenta una pietra miliare nel percorso verso l’innovazione tecnologica della nostra Regione, percorso iniziato con l’adozione del Piano Telematico Regionale. Essa rappresenta anche l’inizio di un processo che porterà al superamento del Digital Divide orientando le attività di realizzazione e le scelte di investimento di entrambi i soggetti sottoscrittori verso il traguardo della Digital Prosperity. Questo è lo strumento che garantisce l’affermazione di una ‘economia digitale’ basata sulle PMI marchigiane e sulla nostra capacità di fare impresa per superare almeno localmente l’attuale scenario di crisi economica”.

    la redazione PICENO NEW
    SPERIAMO CHE LE RISORSE ECONOMICHE MESSE BASTINO. COME SPESSO ACCADE,FINISCONO PRIMA DI TERMINARE IL PROGETTO

  3. francesco amici says:

    Molto probabilmmente fra un mese inizieranno i lavori per la fibra ottica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: